Di Supporto Capispalla Woozi Kpop Winter Jeonghan Djs Cappotti Hop Basic Giacca coups Hip Unisex Seventeen Felp Baseball 2 Felpa Seventeen17 Da S fxHORq

Cocktail Donna Vestito Gravidanza Anguang Allattamento Abito Da Maxi Maternit Casual 4xBw7Z7CTq

Calchi: calchi in gesso.

 
Di Supporto Capispalla Woozi Kpop Winter Jeonghan Djs Cappotti Hop Basic Giacca coups Hip Unisex Seventeen Felp Baseball 2 Felpa Seventeen17 Da S fxHORq Di Supporto Capispalla Woozi Kpop Winter Jeonghan Djs Cappotti Hop Basic Giacca coups Hip Unisex Seventeen Felp Baseball 2 Felpa Seventeen17 Da S fxHORq Di Supporto Capispalla Woozi Kpop Winter Jeonghan Djs Cappotti Hop Basic Giacca coups Hip Unisex Seventeen Felp Baseball 2 Felpa Seventeen17 Da S fxHORq

Un Increspato Push Bagno Da Costume Retr up Wantdo Pezzo zxqHRtnX

Cotone amp;c Verde B Ampio Maglietta Scollo Donna 100 HWFSOx Estivo Donna Pantaloni Pants Freestyle Con Da Corto Moda Coulisse Quotidiani Spiaggia Pantaloncini Albicocca Shorts Hot Casual Baggy qHCdnOd5Shirt Corta Giallo Donna Casual Manica Camicie Loose Mallimoda Top vxUq6zqBikini Dimagrante Giuggiola Da Tianlu Trend Bagno Split Papillon Set L Sexy Di Costume Series Fashion AwqZ4qJuleya Comoda Sexy Morbida Chiffon Donna Tinta Top In Donne Unita Aderente Camicette Camicia Rosa Elegante Camicetta Scoperte Spalle rqSw7r0Tshk Donna Tshk Top Top Tx7RHT
      Huixin Casual Tops O Estivi collo Damigella Corta Tee Base Shirts Tendenza Ragazza Basic Sportivo 3d shirt T Manica Streetwear Schwarz Stampa Fashion White Uomo rPOrzxq     coups Basic Di Felpa Jeonghan Unisex Djs Capispalla Winter Seventeen Cappotti Woozi Hip Baseball Hop Da Kpop S Seventeen17 2 Giacca Felp Supporto  
Seventeen17 Jeonghan Felpa Cappotti Supporto Unisex Da Giacca Woozi Capispalla S Di Basic Hip 2 Felp Hop Kpop Winter Seventeen coups Djs Baseball       Unisex Seventeen Baseball coups Cappotti Supporto Woozi Capispalla Seventeen17 Hip S Djs Felpa Da Jeonghan Hop 2 Felp Di Winter Giacca Kpop Basic  
      Hip Seventeen S Giacca Cappotti Seventeen17 Felp Djs Jeonghan Woozi Supporto Kpop 2 Capispalla Felpa coups Unisex Hop Winter Di Da Baseball Basic  
      Jeonghan Felpa Hop coups Felp Winter Seventeen Seventeen17 S Woozi Baseball Cappotti 2 Di Kpop Unisex Capispalla Giacca Hip Da Basic Djs Supporto  
  Djs Winter Kpop Felp coups Di Supporto Da Hop Cappotti Jeonghan Giacca Capispalla Seventeen17 Woozi 2 Basic Unisex Baseball Seventeen Felpa S Hip   Cappotti Baseball Seventeen Woozi Jeonghan Capispalla Supporto 2 Hop Giacca coups Seventeen17 Da Winter Felpa Felp Unisex Di S Kpop Djs Basic Hip    
    Baseball Seventeen17 2 Capispalla Supporto Di coups Felpa Basic Winter Unisex Felp Hip Djs Da Giacca Kpop Hop Seventeen Woozi S Cappotti Jeonghan    
       
       
  Winter Basic Supporto Jeonghan S Giacca Kpop Seventeen Woozi Hop Di Hip coups Cappotti Unisex Felpa Seventeen17 Felp Da Baseball Djs Capispalla 2   Felpa Hip Di Hop Giacca Kpop Djs coups Da Winter Cappotti Supporto Seventeen17 Baseball Woozi Basic Jeonghan Seventeen Capispalla S Unisex 2 Felp    
       
  Seventeen17 Capispalla Hip Kpop Da Baseball Winter Felp coups 2 Unisex Giacca S Di Basic Cappotti Djs Supporto Felpa Jeonghan Seventeen Hop Woozi Hip Da Kpop Hop Cappotti Giacca Woozi 2 Capispalla Di Supporto Winter Seventeen17 S Unisex Basic Jeonghan coups Seventeen Baseball Djs Felp Felpa      
Winter Unisex Giacca Seventeen17 Jeonghan coups Hip Supporto Woozi Baseball Di Hop Djs Seventeen 2 Basic Felpa Felp Capispalla Da Cappotti Kpop S        
Libero Damigella Pantaloni Harem Elastica Moca Tendenza Moda Streetwear Donna Pluderhose Colori Baggy Lunga Tempo nbsp; Pants Swag Eleganti Estivi Solidi Vita r4dHarx
Felpa Supporto Giacca Seventeen Baseball Felp S 2 Unisex Woozi Di Capispalla Basic Hop Djs coups Jeonghan Kpop Da Winter Cappotti Seventeen17 Hip Cappotti Jeonghan coups Seventeen17 Winter 2 Capispalla Kpop Felp Da Hop Baseball Seventeen Felpa S Supporto Basic Hip Giacca Di Unisex Djs Woozi Seventeen Kpop Capispalla Hip Seventeen17 S Di Djs Supporto Da Hop Felp Baseball Giacca Winter coups Cappotti Jeonghan 2 Unisex Basic Felpa Woozi  

Netgozio Campana Elegante Blusa Lunga Svasate Manica Donna Sexy Camicia Perle Nero Maglia RCx7XqwrRMaglioncini Tempo Grazioso Maglia Manica Autunno Biran Eleganti Sciolto Invernali Monocromo Vintage Lunga Maglioni Blau Pipistrello Libero Rotondo Maglieria Donna Collo A Pullover dwawZqPSlim Unita Pantaloncini Donna Tinta Nero Sys H18vxSlim Unita Pantaloncini Donna Tinta Nero Sys H18vxBlack Tee Harajuku Hashit T Casual Stampa collo Shirt M Rock O Femme Letter Top T shirt Donna Tops Punk 5FqAqwCc Detail Only w Melange Grigio Donna L White Draped Onlmaye s Melange Felpa Knt light Grey Pullover qrrROXAx

Eleganti Azzurro Da Pantaloni Donna Skinny Casuali Matita Larga Taglia Leggings qgxCzd

 

Copie e riproduzioni artistiche di statue, busti, bassorilievi, maschere di animali busti di imperatori romani bassorilievi romani bassorilievi romanici bassorilievi greci bassorilievi egizi bassorilievi rinascimentali bassorilievi famosi bassorilievi di animali bassorilievi religiosi bassorilievi su richiesta bassorilievi in gesso maschere su richiesta maschere greche maschere busti bassorilievi maschere davide di michelangelo busti in gesso busti greci busti di santi maschere in gesso www.laboratoriodiscultura.it www.scaramellastudiodiscultura.com www.gipsoteca.net calchi in gesso calco calco in gesso statue statue greche statue romane statue classiche statue egizie statue rinascimentali statue di personaggi famosi statue di animali statue di santi statue su richiesta statue religiose statuette statue in resina statue in marmoresina arte arredamento per interni arredamento per giardino architettura in gesso architettura greca architettura romana architettura egizia architettura rinascimentale architettura per interni architettura per esterni colonne in gesso mensole in gesso giulio cesare leonardo da vinci aristotele davide di donatello busti di animali busti su ordinazione maschere di imperatori romani www.frontmuseo.it www.laboratoryofsculpture.com www.chalkstatues.com statue in gesso statua in gesso maschera anatomia in gesso statue in vetroresina statue in cemento statue in polvere di marmo statue in marmo statue in bronzo statue of michelangelo statue of liberty statue in gesso statue of donatello statues maschere classiche maschere egizie maschere di personaggi famosi maschere romane anatomia per le scuole d'arte anatomia per l'artista anatomia su richiesta sculture sculptures sculture di madonne sculture di gesù sculture di evangelisti sculture sacre sculture religiose su richiesta acquista on line compra in rete sculture religiose in gesso sculture di santi maschere religiose platone calchi busti egizi busti religiosi busti di personaggi famosi statua di zeus gipsoteca scultura bassorilievo statua sculpture parigi arte arte scultura arte sculture arte statue arte statua arte scultore arte scultori arte del gesso arte del marmo arte del bronzo londra arte arte arte arte arte arte della resina arte greca arte romana arte egizia arte rinascimentale arte liberty arte sacra arte made in italy atene arte roma arte torino arte firenze arte napoli arte milano arte venezia arte arte italiana arte made italy arte nel mondo statue giardino articoli religiosi produzione statue vendita statue scenografie edison trofei statue santi venere di milo papa giovanni paolo II laoconte darwin statua marmo statue bronzo statua in bronzo busti in bronzo madonne calchi.it sculture.it maschere.it maschera.it statua in marmo busti bronzo madonna statue.it scultura.it statua.it statue in bronzo statue in marmo arte funeraria calchi calchi calchi calchi busti.it arte.it busto.it arte. statue. statue.. sculture. sculture.. maschere. elenco arte statue sculture statue in vtr sculture in marmo sculture in bronzo arte statue maschere sculture artisti artista statua maschera scultura scultore scultori mappa del sito rss www.laboratoriodiscultura.com www.laboratoiredesculpture.com www.gypsothèque.eu statue in bronzo statue in marmo statue statue in gesso statue bronzo statue giardino statue in vtr statue marmo statue santi statues bassorilievi bassorilievi in bronzo bassorilievi in gesso bassorilievi in marmo bassorilievi in resina busti busti in bronzo busti gesso busti in marmo busti in resina maschere maschere in bronzo maschere in gesso maschere in marmo maschere in resina statue sacre statue di marmo statue di bronzo statue di gesso statue in gesso statue in marmo statue in bronzo canova antonio canova sant'eusebio san giacomo sculture in gesso scultura in gesso sculture di gesso scultura di gesso statue statua statue in bronzo statue in cemento statue in marmo statue in marmoresina statue in oxolite statue in resina statue in vetroresina statue in vtr statue italiane statua barocca statua classica statua di angelo statua di gesù statua di imperatore romano statua di madonna statua di santo statua egizia statua greca statua liberty statua neoclassica statua romanica statue barocche statue classiche statue di angeli statue di gesù statue di imperatori statue di imperatori romani statue di madonne statue di santi statue greche statue in carbonato di calcio statue in polvere di marmo statue liberty statue neoclassiche statue religiose statue rinascimentali statue romaniche scultura classica scultura commemorativa scultura contemporanea scultura di bronzo scultura di gesso scultura di marmo scultura di marmoresina scultura di resina scultura di vetroresina scultura di vtr scultura figurativa scultura greca scultura in bronzo scultura in gesso scultura in marmo scultura in marmoresina scultura in resina scultura in vetroresina scultura in vtr scultura moderna scultura monumentale scultura per monumenti scultura romana scultura romanica sculture classiche sculture commemorative sculture contemporanee sculture di bronzo sculture di gesso sculture di marmo sculture di marmoresina sculture di resina sculture di vetroresina sculture di vtr sculture figurative sculture greche sculture in bronzo sculture in gesso sculture in marmo sculture in marmoresina sculture in resina sculture in vetroresina sculture in vtr sculture moderne sculture monumentali sculture per monumenti sculture romane sculture romaniche gipsoteca calchi in gesso riproduzioni in gesso gesso calchi opere in gesso opere d'arte in gesso oggetti d'arte in gesso riproduzioni d'arte in gesso riproduzioni artistiche in gesso riproduzioni artistiche di sculture riproduzioni artistiche di statue riproduzioni artistiche di busti riproduzioni artistiche di bassorilievi riproduzioni artistiche di maschere riproduzioni artistiche di elementi decorativi riproduzioni artistiche di oggetti sacri riproduzioni artistiche di statue religiose riproduzione di busti busti busti di gesso busti in gesso busti in bronzo busti di bronzo busto di bronzo busto in bronzo busto di gesso busto in gesso busto busto in marmo busto di marmo busti di marmo busti in marmo busti in marmoresina busti di marmoresina busto di marmoresina busto in marmoresina busto in vetroresina busto di vetroresina busti di vetroresina busti in vetroresina busti in resina busto in resina busto di resina busti di resina busti di vtr busto di vtr busto in vtr busti in vtr giacomo leopardi
 

La tecnica della fusione nelle statue in bronzo: è da sempre il procedimento più usato dallo scultore per ottenere statue in bronzo dalle forme complesse. Questa tecnica possiede svariate modalità d’applicazione: fusione a sabbia, fusione a cera persa, ecc., ma tutte sono basate su uno stesso principio generale. Il metallo viene portato in un crogiolo a temperatura di fusione; una volta raggiunta la liquefazione, esso viene versato in uno stampo negativo, nel quale raffreddandosi, si solidifica. In  seguito, il metallo viene estratto dallo stampo per essere rifinito e cesellato a freddo conferendogli la forma della statua in bronzo desiderata. Per le statue in bronzo si  distinguono due metodi di fusione: diretto o indiretto. Per quest’ultimo si tratta  di realizzare delle riproduzioni in bronzo di opere esistenti in altri materiali (gesso, argilla  ecc.) che devono essere prima stampate e poi riprodotte. Nel metodo diretto la scultura viene realizzata subito in cera, che sarà  persa durante la cottura dello stampo, prima della colata del metallo. Questo processo dà luogo a esemplari unici di sculture in bronzo. La tecnica indiretta, permette al contrario, di ottenere più esemplari, a partire dallo stampo dell’opera originale. La fusione a cera persa: questa tecnica si applica a sculture complicate, delle quali si desidera ottenere un unico esemplare o un numero limitato di copie. Il modello di cera viene circondato Da uno stampo in materiale refrattario, poi eliminato in seguito alla fusione. Il metallo fuso è quindi colato nello stampo e prende il posto di quello della cera. La statua in bronzo viene estratta distruggendo lo stampo. La fusione a sabbia: l’impronta del modello della statua in bronzo da realizzare viene presa con sabbie silicoargillose che vengono premute contro di esso in un telaio. Il modello viene tolto dallo stampo prima di iniziare la colata. La statua in bronzo viene sformata con l’inevitabile distruzione dello stampo. Questa tecnica permette di tirare un gran numero di esemplari. Le tecniche menzionate sono in uso fin dall’antichità; attualmente si sono aggiunte ad esse nuovi processi di fusione per le statue in bronzo. Tra queste sono da tenere in considerazione: La fusione con modelli in polistirene: Il modello per la statua in bronzo viene realizzato in polistirene  espanso. Viene stampato, sia a sabbia sia a stampo refrattario, poi il metallo viene colato direttamente senza togliere il modello. Questo perché il polistirene, al contatto con il metallo fuso, fonde istantaneamente e si volatilizza. Sia il modello sia lo stampo andranno perduti. Il processo di “Shaw” (ceramic-shell casting): messa a punto in Gran Bretagna nel 1938 dai fratelli Shaw. Consiste nell’utilizzare una miscela di silicato di etile, di acqua e di materiale di refrattario molto fine, per la fabbricazione dello stampo. La miscela viene colata a più riprese, fino ad uno spessore da 6 a 13 mm. Quindi viene eliminata la cera del modello, scaldando lo stampo che verrà esposto a fiamma viva per eliminare gli elementi non refrattari. Dopo la colatura del metallo si otterrà la statua in bronzo. La fusione in stampi carapace: consiste nell’utilizzare, per la realizzazione dello stampo, una sabbia silicea a grana fine, agglomerata con una resina termoinduribile. Lo stampo, di piccolo spessore, può essere utilizzato per più statue in bronzo. La fusione per centrifugazione ed iniezione: processo ideale per piccole statue in bronzo che esigono molta precisione. Il metallo viene fuso tramite induzione (procedimento speciale che combina capi magnetici e rotazione del crogiolo) poi, quando la temperatura ottimale è raggiunta, viene iniettato nello stampo. Queste quattro tecniche di fusione sono soprattutto utilizzate industrialmente ma possono entro certi limiti, essere applicate per le statue in bronzo in modo artigianale. La fusione di una statua in bronzo viene fatta in varie tappe: stampaggio del modello in gesso - tiratura di una copia della statua in cera - installazione di un’anima refrattaria - installazione di condotti d’aria e di getti sulla statua di cera - realizzazione di uno stampo in polvere o in sabbia - eliminazione della cera attraverso la fusione in forno; indurimento nello  stampaggio a sabbia - la fusione del bronzo nel crogiolo - la colata del metallo fuso nello stampo - il raffreddamento - la rifinitura della statua in bronzo. Le statue in bronzo di piccole dimensioni possono essere colate piene, mentre le statue in bronzo più grandi saranno vuote per i seguenti motivi: al fine di ridurre lo spreco del metallo e quindi il costo della statua in bronzo - per ridurre il peso della statua in bronzo - per la solidità:in effetti una statua in bronzo vuota è più solida di una equivalente ma piena - per evitare le alterazioni causate dal ritiro di una massa di metallo troppo grande. Tecnica della fusione a cera persa delle statue in bronzo: Questo processo, che è il più antico, era già conosciuto dagli Egizi. Ne è stato fatto largo uso durante l’epoca classica greca con una notevole produzione di statue in bronzo, così come nel Rinascimento italiano. Benvenuto Cellini racconta nelle sue memorie, come ha colato la statua in bronzo del Perseo nel suo studio. Questo caso è probabilmente eccezionale perché la maggior parte degli scultori per la fusione delle loro statue in bronzo si rivolgevano a fonderie specializzate, al quale affidavano il loro modello originale in gesso o argilla. La tecnica della fusione nei bassorilievi in bronzo: è da sempre il procedimento più usato dallo scultore per ottenere bassorilievi in bronzo dalle forme complesse. Questa tecnica possiede svariate modalità d’applicazione: fusione a sabbia, fusione a cera persa, ecc., ma tutte sono basate su uno stesso principio generale. Il metallo viene portato in un crogiolo a temperatura di fusione; una volta raggiunta la liquefazione, esso viene versato in uno stampo negativo, nel quale raffreddandosi, si solidifica il bassorilievo in bronzo. In  seguito, il metallo viene estratto dallo stampo per essere rifinito e cesellato a freddo conferendogli la forma del bassorilievo in bronzo desiderato. Per i bassorilievi in bronzo si  distinguono due metodi di fusione: diretto o indiretto. Per quest’ultimo si tratta  di realizzare delle riproduzioni in bronzo di bassorilievi esistenti in altri materiali (gesso, argilla  ecc.) che devono essere prima stampati e poi riprodotti. Nel metodo diretto il bassorilievo viene realizzato subito in cera, che sarà  persa durante la cottura dello stampo, prima della colata del metallo. Questo processo dà luogo a esemplari unici di bassorilievi in bronzo. La tecnica indiretta, permette al contrario, di ottenere più esemplari, a partire dallo stampo del bassorilievo originale. La fusione a cera persa: questa tecnica si applica a sculture complicate, delle quali si desidera ottenere un unico esemplare o un numero limitato di copie. Il modello di cera viene circondato da uno stampo in materiale refrattario, poi eliminato in seguito alla fusione. Il metallo fuso è quindi colato nello stampo e prende il posto di quello della cera. Il bassorilievo in bronzo viene estratto distruggendo lo stampo. La fusione a sabbia: l’impronta del modello del bassorilievo in bronzo da realizzare viene presa con sabbie silicoargillose che vengono premute contro di esso in un telaio. Il modello viene tolto dallo stampo prima di iniziare la colata. Il bassorievo in bronzo viene sformato con l’inevitabile distruzione dello stampo. Questa tecnica permette di tirare un gran numero di bassorilievi in bronzo. Le tecniche menzionate sono in uso fin dall’antichità; attualmente si sono aggiunte ad esse nuovi processi di fusione per i bassorilievi in bronzo. Tra queste sono da tenere in considerazione: La fusione con modelli in polistirene: Il modello per il bassorilievo in bronzo viene realizzato in polistirene  espanso. Viene stampato, sia a sabbia o a stampo refrattario, poi il metallo viene colato direttamente senza togliere il modello. Questo perché il polistirene, al contatto con il metallo fuso, fonde istantaneamente e si volatilizza. Sia il modello sia lo stampo andranno perduti. Il processo di “Shaw” (ceramic-shell casting): messa a punto in Gran Bretagna nel 1938 dai fratelli Shaw. Consiste nell’utilizzare una miscela di silicato di etile, di acqua e di materiale di refrattario molto fine, per la fabbricazione dello stampo. La miscela viene colata a più riprese, fino ad uno spessore da 6 a 13 mm. Quindi viene eliminata la cera del modello, scaldando lo stampo che verrà esposto a fiamma viva per eliminare gli elementi non refrattari. Dopo la colatura del metallo si otterrà il bassorilievo in bronzo. La fusione in stampi carapace: consiste nell’utilizzare, per la realizzazione dello stampo, una sabbia silicea a grana fine, agglomerata con una resina termoinduribile. Lo stampo, di piccolo spessore, può essere utilizzato per più bassorilievo in bronzo. La fusione per centrifugazione ed iniezione: processo ideale per piccoli bassorilievi in bronzo che esigono molta precisione. Il metallo viene fuso tramite induzione (procedimento speciale che combina capi magnetici e rotazione del crogiolo) poi, quando la temperatura ottimale è raggiunta, viene iniettato nello stampo. Queste quattro tecniche di fusione sono soprattutto utilizzate industrialmente ma possono entro certi limiti, essere applicate per i bassorilievi in bronzo in modo artigianale. La fusione di un bassorilievo in bronzo viene fatta in varie tappe: stampaggio del modello in gesso - tiratura di una copia del bassorilievo in cera - installazione di un’anima refrattaria - installazione di condotti d’aria e di getti sul bassorilievo di cera - realizzazione di uno stampo in polvere o in sabbia - eliminazione della cera attraverso la fusione in forno; indurimento nello stampaggio a sabbia - la fusione del bronzo nel crogiolo - la colata del metallo fuso nello stampo - il raffreddamento - la rifinitura del bassorilievo in bronzo. I bassorilievi in bronzo di piccole dimensioni possono essere colati pieni, mentre i bassorilievi in bronzo più grandi saranno vuoti per i seguenti motivi: al fine di ridurre lo spreco del metallo e quindi il costo del bassorilievo in bronzo - per ridurre il peso del bassorilievo in bronzo - per la solidità: in effetti un bassorilievo in bronzo vuoto è più solido di uno equivalente ma pieno - per evitare le alterazioni causate dal ritiro di una massa di metallo troppo grande. Tecnica della fusione a cera persa dei bassorilievi in bronzo: questo processo, che è il più antico, era già conosciuto dagli Egizi. Ne è stato fatto largo uso durante l’epoca classica greca con una notevole produzione di bassorilievi in bronzo, così come nel Rinascimento italiano. Benvenuto Cellini racconta nelle sue memorie, come ha colato la statua in bronzo del Perseo nel suo studio. Questo caso è probabilmente eccezionale perché la maggior parte degli scultori per la fusione dei loro bassorilievi in bronzo si rivolgevano a fonderie specializzate, al quale affidavano il loro modello originale in gesso o argilla. Il metodo indiretto: viene utilizzato quando si desidera riprodurre un bassorilievo in bronzo gia realizzato in altri materiali, eccetto la cera. Lo scultore deve, prima di tutto, fare uno stampo del bassorilievo da riprodurre. Una volta terminato lo stampo, che potrà essere in gelatina, oppure in gesso composto da più elementi o in caucciù silicone, gli si colerà dentro la cera. La tecnica della fusione nei busti in bronzo: è da sempre il procedimento più usato dallo scultore per ottenere busti in bronzo dalle forme complesse. Questa tecnica possiede svariate modalità d’applicazione: fusione a sabbia, fusione a cera persa, ecc., ma tutte sono basate su uno stesso principio generale. Il metallo viene portato in un crogiolo a temperatura di fusione; una volta raggiunta la liquefazione, esso viene versato in uno stampo negativo, nel quale raffreddandosi, si solidifica. In  seguito, il metallo viene estratto dallo stampo per essere rifinito e cesellato a freddo conferendogli la forma del busto in bronzo desiderato. Per i busti in bronzo si  distinguono due metodi di fusione: diretto o indiretto. Per quest’ultimo si tratta  di realizzare delle riproduzioni in bronzo di busti esistenti in altri materiali (gesso, argilla  ecc.) che devono essere prima stampati e poi riprodotti. Nel metodo diretto il busto viene realizzato subito in cera, che sarà  persa durante la cottura dello stampo, prima della colata del metallo. Questo processo dà luogo a esemplari unici di busti in bronzo. La tecnica indiretta, permette al contrario, di ottenere più esemplari, a partire dallo stampo del busto originale. La fusione a cera persa: questa tecnica si applica a sculture complicate, delle quali si desidera ottenere un unico esemplare o un numero limitato di copie. Il modello di cera viene circondato Da uno stampo in materiale refrattario, poi eliminato in seguito alla fusione. Il metallo fuso è quindi colato nello stampo e prende il posto di quello della cera. Il busto in bronzo viene estratto distruggendo lo stampo. La fusione a sabbia: l’impronta del modello del busto in bronzo da realizzare viene presa con sabbie silicoargillose che vengono premute contro di esso in un telaio. Il modello viene tolto dallo stampo prima di iniziare la colata. Il busto in bronzo viene sformato con l’inevitabile distruzione dello stampo. Questa tecnica permette di tirare un gran numero di busti in bronzo. Le tecniche menzionate sono in uso fin dall’antichità; attualmente si sono aggiunte ad esse nuovi processi di fusione per i busti in bronzo. Tra queste sono da tenere in considerazione: La fusione con modelli in polistirene: Il modello per il busto in bronzo viene realizzato in polistirene  espanso. Viene stampato, sia a sabbia o a stampo refrattario, poi il metallo viene colato direttamente senza togliere il modello. Questo perché il polistirene, al contatto con il metallo fuso, fonde istantaneamente e si volatilizza. Sia il modello sia lo stampo andranno perduti. Il processo di “Shaw” (ceramic-shell casting): messa a punto in Gran Bretagna nel 1938 dai fratelli Shaw. Consiste nell’utilizzare una miscela di silicato di etile, di acqua e di materiale di refrattario molto fine, per la fabbricazione dello stampo. La miscela viene colata a più riprese, fino ad uno spessore da 6 a 13 mm. Quindi viene eliminata la cera del modello, scaldando lo stampo che verrà esposto a fiamma viva per eliminare gli elementi non refrattari. Dopo la colatura del metallo si otterrà il busto in bronzo. La fusione in stampi carapace: consiste nell’utilizzare, per la realizzazione dello stampo, una sabbia silicea a grana fine, agglomerata con una resina termoinduribile. Lo stampo, di piccolo spessore, può essere utilizzato per più busti in bronzo. La fusione per centrifugazione ed iniezione: processo ideale per piccoli busti in bronzo che esigono molta precisione. Il metallo viene fuso tramite induzione (procedimento speciale che combina capi magnetici e rotazione del crogiolo) poi, quando la temperatura ottimale è raggiunta, viene iniettato nello stampo. Queste quattro tecniche di fusione sono soprattutto utilizzate industrialmente ma possono entro certi limiti, essere applicate per i busti in bronzo in modo artigianale. La fusione di un busto in bronzo viene fatta in varie tappe: stampaggio del modello in gesso - tiratura di una copia del busto in cera - installazione di un’anima refrattaria - installazione di condotti d’aria e di getti sul busto di cera - realizzazione di uno stampo in polvere o in sabbia - eliminazione della cera attraverso la fusione in forno; indurimento nello stampaggio a sabbia - la fusione del bronzo nel crogiolo - la colata del metallo fuso nello stampo - il raffreddamento - la rifinitura del busto in bronzo. I busti in bronzo di piccole dimensioni possono essere colati pieni, mentre i busti in bronzo più grandi saranno vuoti per i seguenti motivi: al fine di ridurre lo spreco del metallo e quindi il costo del busto in bronzo - per ridurre il peso del busto in bronzo - per la solidità:in effetti un busto in bronzo vuoto è più solido di uno equivalente ma pieno - per evitare le alterazioni causate dal ritiro di una massa di metallo troppo grande. Tecnica della fusione a cera persa dei busti in bronzo: questo processo, che è il più antico, era già conosciuto dagli Egizi. Ne è stato fatto largo uso durante l’epoca classica greca con una notevole produzione di busti in bronzo, così come nel Rinascimento italiano. Benvenuto Cellini racconta nelle sue memorie, come ha colato la statua in bronzo del Perseo nel suo studio. Questo caso è probabilmente eccezionale perché la maggior parte degli scultori per la fusione dei loro busti in bronzo si rivolgevano a fonderie specializzate, al quale affidavano il loro modello originale in gesso o argilla. Il metodo indiretto: viene utilizzato quando si desidera riprodurre un busto in bronzo gia realizzato in altri materiali, eccetto la cera. Lo scultore deve, prima di tutto, fare uno stampo del busto da riprodurre. Una volta terminato lo stampo, che potrà essere in gelatina, oppure in gesso composto da più elementi o in caucciù silicone, gli si colerà dentro la cera. La tecnica della fusione nelle sculture in bronzo: è da sempre il procedimento più usato dallo scultore per ottenere sculture in bronzo dalle forme complesse. Questa tecnica possiede svariate modalità d’applicazione: fusione a sabbia, fusione a cera persa, ecc., ma tutte sono basate su uno stesso principio generale. Il metallo viene portato in un crogiolo a temperatura di fusione; una volta raggiunta la liquefazione, esso viene versato in uno stampo negativo della scultura in bronzo, nel quale raffreddandosi, si solidifica. In  seguito, il metallo viene estratto dallo stampo per essere rifinito e cesellato a freddo conferendogli la forma della scultura in bronzo desiderata. Per le sculture in bronzo si  distinguono due metodi di fusione: diretto o indiretto. Per quest’ultimo si tratta  di realizzare delle riproduzioni in bronzo di opere esistenti in altri materiali (gesso, argilla  ecc.) che devono essere prima stampate e poi riprodotte. Nel metodo diretto la scultura viene realizzata subito in cera, che sarà  persa durante la cottura dello stampo, prima della colata del metallo. Questo processo dà luogo a esemplari unici di sculture in bronzo. La tecnica indiretta, permette al contrario, di ottenere più esemplari, a partire dallo stampo dell’opera originale. La fusione a cera persa: questa tecnica si applica a sculture complicate, delle quali si desidera ottenere un unico esemplare o un numero limitato di copie. Il modello di cera viene circondato da uno stampo in materiale refrattario, poi eliminato in seguito alla fusione. Il metallo fuso è quindi colato nello stampo e prende il posto di quello della cera. La scultura in bronzo viene estratta distruggendo lo stampo. La fusione a sabbia: l’impronta del modello della scultura in bronzo da realizzare viene presa con sabbie silicoargillose che vengono premute contro di esso in un telaio. Il modello viene tolto dallo stampo prima di iniziare la colata. La scultura in bronzo viene sformata con l’inevitabile distruzione dello stampo. Questa tecnica permette di tirare un gran numero di esemplari. Le tecniche menzionate sono in uso fin dall’antichità; attualmente si sono aggiunte ad esse nuovi processi di fusione per le sculture in bronzo. Tra queste sono da tenere in considerazione La fusione con modelli in polistirene: Il modello per la scultura in bronzo viene realizzato in polistirene  espanso. Viene stampato, sia a sabbia sia a stampo refrattario, poi il metallo viene colato direttamente senza togliere il modello. Questo perché il polistirene, al contatto con il metallo fuso, fonde istantaneamente e si volatilizza. Sia il modello sia lo stampo andranno perduti. Il processo di “Shaw” (ceramic-shell casting): messa a punto in Gran Bretagna nel 1938 dai fratelli Shaw. Consiste nell’utilizzare una miscela di silicato di etile, di acqua e di materiale di refrattario molto fine, per la fabbricazione dello stampo. La miscela viene colata a più riprese, fino ad uno spessore da 6 a 13 mm. Quindi viene eliminata la cera del modello, scaldando lo stampo che verrà esposto a fiamma viva per eliminare gli elementi non refrattari. Dopo la colatura del metallo si otterrà la scultura in bronzo. La fusione in stampi carapace: consiste nell’utilizzare, per la realizzazione dello stampo, una sabbia silicea a grana fine, agglomerata con una resina termoinduribile. Lo stampo, di piccolo spessore, può essere utilizzato per più sculture in bronzo. La fusione per centrifugazione ed iniezione: processo ideale per piccole sculture in bronzo che esigono molta precisione. Il metallo viene fuso tramite induzione (procedimento speciale che combina capi magnetici e rotazione del crogiolo) poi, quando la temperatura ottimale è raggiunta, viene iniettato nello stampo. Queste quattro tecniche di fusione sono soprattutto utilizzate industrialmente ma possono entro certi limiti, essere applicate per le sculture in bronzo in modo artigianale. La fusione di una statua in bronzo viene fatta in varie tappe: stampaggio del modello in gesso - tiratura di una copia della scultura in cera - installazione di un’anima refrattaria - installazione di condotti d’aria e di getti sulla scultura di cera - realizzazione di uno stampo in polvere o in sabbia - eliminazione della cera attraverso la fusione in forno; indurimento nello  stampaggio a sabbia - la fusione del bronzo nel crogiolo - la colata del metallo fuso nello stampo - il raffreddamento - la rifinitura della scultura in bronzo. Le sculture in bronzo di piccole dimensioni possono essere colate piene, mentre le sculture in bronzo più grandi saranno vuote per i seguenti motivi: al fine di ridurre lo spreco del metallo e quindi il costo della scultura in bronzo - per ridurre il peso della scultura in bronzo - per la solidità:in effetti una scultura in bronzo vuota è più solida di una equivalente ma piena - per evitare le alterazioni causate dal ritiro di una massa di metallo troppo grande. Tecnica della fusione a cera persa delle sculture in bronzo: Questo processo, che è il più antico, era già conosciuto dagli Egizi. Ne è stato fatto largo uso durante l’epoca classica greca con una notevole produzione di statue in bronzo, così come nel Rinascimento italiano. Benvenuto Cellini racconta nelle sue memorie, come ha colato la scultura in bronzo del Perseo nel suo studio. Questo caso è probabilmente eccezionale perché la maggior parte degli scultori per la fusione delle loro sculture in bronzo si rivolgevano a fonderie. La tecnica dei bassorilievi in marmo: Il marmo è da sempre il materiale prediletto dagli scultori. La resistenza fisica, il peso e l'aspetto seducente di numerosi marmi hanno deposto a loro favore in ogni epoca. La scultura in marmo è servita a magnificare le diverse civiltà che si sono succedute fin dall'antichità. Sono disponibili numerose varietà di marmi. Per quel che concerne la scelta del marmo per un bassorilievo, si deve tener conto della disponibilità del mercato, del prezzo, della durezza, della resistenza alle intemperie e dello scopo artistico da perseguire. Il marmo è un materiale che richiede molta pazienza nella lavorazione e forza fisica. Il marmo, a seconda della sua durezza, permette una lavorazione del bassorilievo più o meno scavato o forme raccolte, sintetiche e massicce. La forma originale del blocco determina la scelta della bassorilievo in marmo. I ripensamenti non sono ammessi ciò che è stato tolto lo è definitivamente dal bassorilievo di marmo. Lo scultore può iniziare il lavoro partendo da un blocco irregolare. Dopo averlo scelto adatto alla forma del bassorilievo da realizzare può iniziare a scolpire. Inizialmente vengono liberate le forme generali del bassorilievo in marmo. Quando sono state tolte le grandi masse, non è più possibile introdurre grosse modifiche al bassorilievo in marmo da realizzare. Il marmo sarà tolto a strati, sino ad ottenere il bassorilievo desiderato. Il metodo è lento e piuttosto faticoso dal lato fisico, specialmente se il marmo è molto duro, ma è una delle esperienze che più arricchisce un artista. Prima di sgrossare è meglio disegnare sul blocco la forma del futuro bassorilievo in marmo. Per la fase di sbozzo vengono usati flessibile, schiantino, mazzetta pesante e grosse punte, le quali vengono vibrate con un'angolazione diritta rispetto alla superficie dei bassorilievi in marmo. Per la sgrossatura, le punte più fini sono utilizzate con un angolo di circa 45 gradi. La forma finale del bassorilievo in marmo può essere avvicinata fin a mezzo centimetro con le gradine e le punte. Gli scalpelli piatti saranno usati per raccordare i piani e rifinire il bassorilievo in marmo, tenendo una posizione molto inclinata. Si usano poi carte e altri abrasivi per la levigatura e lucidatura del bassorilievo in marmo. Alcuni scultori utilizzano solo la punta per tutta la durata della realizzazione del bassorilievo in marmo. Alcune parti della superficie dell'opera possono essere lasciate ruvide mantenendo la traccia dell'utensile usato (gradina, punta, ecc.) conferendo al bassorilievo in marmo tonalità differenti.. La tecnica dei busti in marmo: Il marmo è da sempre il materiale prediletto dagli scultori. La resistenza fisica, il peso e l'aspetto seducente di numerosi marmi hanno deposto a loro favore in ogni epoca. La scultura in marmo è servita a magnificare le diverse civiltà che si sono succedute fin dall'antichità. Sono disponibili numerose varietà di marmi. Per quel che concerne la scelta del marmo per un busto, si deve tener conto della disponibilità del mercato, del prezzo, della durezza, della resistenza alle intemperie e dello scopo artistico da perseguire. Il marmo è un materiale che richiede molta pazienza nella lavorazione e forza fisica. Il marmo, a seconda della sua durezza, permette una lavorazione del busto più o meno scavata o forme raccolte, sintetiche e massicce. La forma originale del blocco determina la scelta della busto in marmo. I ripensamenti non sono ammessi ciò che è stato tolto lo è definitivamente dal busto di marmo. Lo scultore può iniziare il lavoro partendo da un blocco irregolare. Dopo averlo scelto adatto alla forma del busto da realizzare può iniziare a scolpire. Inizialmente vengono liberate le forme generali del busto in marmo. Quando sono state tolte le grandi masse, non è più possibile introdurre grosse modifiche al busto in marmo da realizzare. Il marmo sarà tolto a strati, sino ad ottenere il busto desiderato. Il metodo è lento e piuttosto faticoso dal lato fisico, specialmente se il marmo è molto duro, ma è una delle esperienze che più arricchisce un artista. Prima di sgrossare è meglio disegnare sul blocco la forma del futuro busto in marmo. Per la fase di sbozzo vengono usati flessibile, schiantino, mazzetta pesante e grosse punte, le quali vengono vibrate con un'angolazione diritta rispetto alla superficie del busto in marmo. Per la sgrossatura, le punte più fini sono utilizzate con un angolo di circa 45 gradi. La forma finale del busto in marmo può essere avvicinata fin a mezzo centimetro con le gradine e le punte. Gli scalpelli piatti saranno usati per raccordare i piani e rifinire il busto in marmo, tenendo una posizione molto inclinata. Si usano poi carte e altri abrasivi per la levigatura e lucidatura del busto in marmo. Alcuni scultori utilizzano solo la punta per tutta la durata della realizzazione del busto in marmo. Alcune parti della superficie dell'opera possono essere lasciate ruvide mantenendo la traccia dell'utensile usato (gradina, punta, ecc.) conferendo al busto in marmo tonalità differenti. La tecnica delle statue in marmo: Il marmo è da sempre il materiale prediletto dagli scultori. La resistenza fisica, il peso e l'aspetto seducente di numerosi marmi hanno deposto a loro favore in ogni epoca. Le statue in marmo sono servite a magnificare le diverse civiltà che si sono succedute fin dall'antichità. Sono disponibili numerose varietà di marmi. Per quel che concerne la scelta del marmo per una statua, si deve tener conto della disponibilità del mercato, del prezzo, della durezza, della resistenza alle intemperie e dello scopo artistico da perseguire. Il marmo è un materiale che richiede molta pazienza nella lavorazione e forza fisica. Il marmo, a seconda della sua durezza, permette una lavorazione delle statue più o meno scavata o forme raccolte, sintetiche e massicce. La forma originale del blocco determina la scelta della statua in marmo. I ripensamenti non sono ammessi ciò che è stato tolto lo è definitivamente dalla statua di marmo. Lo scultore può iniziare il lavoro partendo da un blocco irregolare. Dopo averlo scelto adatto alla forma della statua da realizzare può iniziare a scolpire. Inizialmente vengono liberate le forme generali della statua in marmo. Quando sono state tolte le grandi masse, non è più possibile introdurre grosse modifiche alla statua in marmo da realizzare. Il marmo sarà tolto a strati, sino ad ottenere la statua desiderata. Il metodo è lento e piuttosto faticoso dal lato fisico, specialmente se il marmo è molto duro, ma è una delle esperienze che più arricchisce un artista. Prima di sgrossare è meglio disegnare sul blocco la forma della futura statua in marmo. Per la fase di sbozzo vengono usati flessibile, schiantino, mazzetta pesante e grosse punte, le quali vengono vibrate con un'angolazione diritta rispetto alla superficie della statua in marmo. Per la sgrossatura, le punte più fini sono utilizzate con un angolo di circa 45 gradi. La forma finale della statua in marmo può essere avvicinata fin a mezzo centimetro con le gradine e le punte. Gli scalpelli piatti saranno usati per raccordare i piani e rifinire la statua in marmo, tenendo una posizione molto inclinata. Si usano poi carte e altri abrasivi per la levigatura e lucidatura della statua in marmo. Alcuni scultori utilizzano solo la punta per tutta la durata della realizzazione della statua in marmo. Alcune parti della superficie dell'opera possono essere lasciate ruvide mantenendo la traccia dell'utensile usato (gradina, punta, ecc.) conferendo alla statua in marmo tonalità differenti. La tecnica della scultura in marmo: Il marmo è da sempre il materiale prediletto dagli scultori. La resistenza fisica, il peso e l'aspetto seducente di numerosi marmi hanno deposto a loro favore in ogni epoca. La scultura in marmo è servita a magnificare le diverse civiltà che si sono succedute fin dall'antichità. Sono disponibili numerose varietà di marmi. Per quel che concerne la scelta del marmo per una scultura, si deve tener conto della disponibilità del mercato, del prezzo, della durezza, della resistenza alle intemperie e dello scopo artistico da perseguire. Il marmo è un materiale che richiede molta pazienza nella lavorazione e forza fisica. Il marmo, a seconda della sua durezza, permette una lavorazione  della scultura più o meno scavata o forme raccolte, sintetiche e massicce. La forma originale del blocco determina la scelta della scultura in marmo. I ripensamenti non sono ammessi ciò che è stato tolto lo è definitivamente dalla scultura di marmo. Lo scultore può iniziare il lavoro partendo da un blocco irregolare. Dopo averlo scelto adatto alla forma della scultura da realizzare può iniziare a scolpire. Inizialmente vengono liberate le forme generali della scultura in marmo. Quando sono state tolte le grandi masse, non è più possibile introdurre grosse modifiche alla scultura in marmo da realizzare. Il marmo sarà tolto a strati, sino ad ottenere la scultura desiderata. Il metodo è lento e piuttosto faticoso dal lato fisico, specialmente se il marmo è molto duro, ma è una delle esperienze che più arricchisce un artista. Prima di sgrossare è meglio disegnare sul blocco la forma della futura scultura in marmo. Per la fase di sbozzo vengono usati flessibile, schiantino, mazzetta pesante e grosse punte, le quali vengono vibrate con un'angolazione diritta rispetto alla superficie della scultura in marmo. Per la sgrossatura, le punte più fini sono utilizzate con un angolo di circa 45 gradi. La forma finale della scultura in marmo può essere avvicinata fin a mezzo centimetro con le gradine e le punte. Gli scalpelli piatti saranno usati per raccordare i piani e rifinire la scultura in marmo, tenendo una posizione molto inclinata. Si usano poi carte e altri abrasivi per la levigatura e lucidatura della scultura in marmo. Alcuni scultori utilizzano solo la punta per tutta la durata della realizzazione della scultura in marmo. Alcune parti della superficie dell'opera possono essere lasciate ruvide mantenendo la traccia dell'utensile usato (gradina, punta, ecc.) conferendo alla scultura in marmo tonalità differenti. La scultura le sculture: Lo scultore converte la materia in oggetti che sembrano vivere di vita propria, mettendo in opera ciò che gli uomini hanno considerato per secoli un potere creativo quasi divino; e fin dalle epoche antichissime quella scintilla di vita ha fatto della scultura il bersaglio delle armate conquistatrici e dei fanatici seguaci delle nuove religioni, che volevano distruggere o deturpare le sculture e le statue degli antichi capi e dei. Oggi invece siamo propensi a considerare le sculture come oggetti artistici piuttosto che come presenze vive. I colori realistici, le pietre preziose, le dorature, e anche le vesti che ornavano le sculture fino al XVI secolo sono scomparsi, ma la solidità dei materiali da cui erano ricavate le sculture ci ha conservato una delle documentazioni visive più complete del passato: abbiamo infatti una relativa abbondanza di sculture greche e sculture romane, mentre i dipinti sono per la maggior parte spariti. In tempi recenti gli scultori hanno messo in risalto la scultura in legno, la scultura in terracotta, la scultura in diversi metalli e la scultura in svariati marmi e pietre, contribuendo a sottolineare altri aspetti importanti del fascino della scultura. Auguste Rodin, uno dei più grandi scultori moderni, definì esattamente, anche se con poca eleganza, la scultura chiamandola l'arte "del buco e della massa". Questa espressione vuole significare che la scultura richiede più di ogni altra arte, all'infuori dell'architettura, una forma solida (la "massa") e l'esatto rapporto di questa con lo spazio (il "buco") la scultura infatti "occupa"spazio proprio come noi. La vitalità della scultura determina la scelta del materiale da parte dello scultore e gli usi cui egli destina la scultura stessa.  La scultura a tutto tondo. Unico fra gli uomini, lo scultore ha il potere di eseguire un'opera d'arte che sembra possedere una personalità, un'identità propria, addirittura una vita a se. Una scultura fa parte del mondo tridimensionale, caratteristica che non possono avere i dipinti; questa virtù particolare delle figure scolpite ci aiuta a capire la leggenda greca dello scultore Pigmalione, il quale modellò la scultura di una donna così bella che se ne innamorò, e tanto perdutamente che Venere donò alla scultura la vita. La sensazione che le immagini scolpite abbiano una specie di potente vitalità indusse probabilmente gli uomini preistorici a creare le prime sculture a tuttotondo conosciute: gli amuleti o talismani, ciondoli con poteri magici da tenere addosso. Anche in tempi più recenti piccole sculture portatili continuano ad essere considerate "protettive": il crocifisso ne è un esempio cristiano, mentre i Cinesi e gli Indiani hanno piccole sculture di Buddha. I cristiani chiariscono subito che il crocifisso è il memento di una persona (Gesù Cristo), di un avvenimento (la crocifissione)e di un concetto(la redenzione) e non ha poteri magici, ma tali piccole sculture hanno pur sempre una specie di potere  che deriva loro dal rappresentare credenze o divinità, e la loro indipendenza tridimensionale da altri oggetti, congiunta alle piccole dimensioni della scultura, mette una persona in grado di vivere a stretto contatto con codeste sculture. La scintilla di vita insita nella scultura ha indotto gli artisti a creare immagini protettrici delle anime dei defunti: gli esempi più celebri di questo tipo di scultura sono le figure trovate nelle tombe egizie. La scultura ha avuto inoltre impiego nella commemorazione dei grandi uomini e degli eroi: le pose simboliche e i costumi  delle sculture suggeriscono attributi personali; un simbolo in particolare è in uso fin dal tempo della scultura greca e della scultura romana, il cavallo: la figura che fa parte di un monumento equestre acquista infatti in dignità per la posizione di predominio che lo stare in alto sul cavallo conferisce alla scultura. Gipsoteca: Questa parola composta deriva dal greco gesso e teca e significa raccolta di riproduzioni in gesso di opere di scultura, di parti architettoniche di reperti archeologici. La gipsoteca ha una grande importanza documentaria, didattica, di raccolta e divulgativa; la gipsoteca raccoglie arte classica, arte greca, romana, nella gipsoteca ci sono opere in tuttotondo : statue  e busti ma anche bassorilievi ed altorilievi. La gipsoteca raccoglie arte egizia, arte medievale, arte neoclassica, rinascimentale, barocca, liberty. La gipsoteca essendo una raccolta di riproduzioni di opere d'arte in gesso, che è un materiale dai costi contenuti consente a tutti di poter avere una riproduzione di Michelangelo, Donatello, Verrocchio ecc. La gipsoteca oltre ad essere una raccolta di positivi in gesso, è un a raccolta di negativi di opre di scultura: stampi. Già gli Egizi usavano il gesso come materiale da stampaggio: utilizzavano, come modelli per le loro sculture, degli stampi in gesso di volti o altre parti del corpo umano. Sono state ritrovate maschere del genere a El-Amarna, realizzate all'incirca attorno al 1370 a.C. Il primo esempio conosciuto di una maschera simile è quella scoperta a Saqquara. E' la maschera di re Teti, della VI dinastia, morto nel 2400 a.C. In seguito i greci hanno utilizzato il gesso per stampi negativi di statue non per vere e proprie gipsoteche ma per la fusione delle statue. Durante il periodo romano è stato utilizzato per stampare le famose maschere mortuarie degli avi, conservate gelosamente come piccole gipsoteche dagli sbozzatori del periodo. Il gesso è utilizzato in gipsoteca per stampi e positivi per le sue caratteristiche: acquisisce una consistenza cremosa dopo l'impasto e rimane malleabile per un po' di tempo, prima che secchi; quando è allo stato di crema liquida, può essere steso su superfici, delle quali sposa fedelmente i rilievi prima di indurire. Il gesso si reperisce con facilità ed il suo prezzo è modico, si prepara facilmente in poco tempo, si dilata lievemente all'impasto e colma bene gli stampi e può essere ritoccato facilmente. Per questo un' opera di gipsoteca artistica è accessibile a tutte le tasche.

DELLA SCULTURA

Che cosa sia la scultura e come siano fatte le sculture buone, e che parti elle debbino avere per essere tenute perfette.La scultura è una arte che levando il superfluo dalla materia suggetta, la riduce a quella forma di corpo che nella idea dello artefice è disegnata. Et è da considerare che tutte le figure di qualunque sorte si siano, o intagliate ne' marmi o gittate di bronzi o fatte di stucco o di legno, avendo ad essere di tondo rilievo e che girando intorno si abbino a vedere per ogni verso, è di necessità che a volerle chiamar perfette ell'abbino di molte parti. La prima è che quando una simil figura ci si presenta nel primo aspetto alla vista, ella rappresenti e renda somiglianza a quella cosa per la quale ella è fatta, o fiera o umile o biz[z]arra o allegra o malenconica, secondo chi si figura; e che ella abbia corrispondenza di parità di membra, cioè non abbia le gambe longhe, il capo grosso, le braccia corte e disformi, ma sia ben misurata et ugualmente a parte a parte concordata dal capo a' piedi. E similmente, se ha la faccia di vecchio, abbia le braccia, il corpo, le gambe, le mani et i piedi di vecchio, unitamente ossuta per tutto, musculosa, nervuta e le vene poste a' luoghi loro. E se arà la faccia di giovane, debbe parimente esser ritonda, morbida e dolce nella aria e per tutto unitamente concordata. Se ella non arà ad essere ignuda, facciasi che i panni ch'ella arà ad aver addosso non siano tanto triti ch'abbino del secco né tanto grossi che paino sassi, ma siano con il loro andar di pieghe girati talmente che scuoprino lo ignudo di sotto, e con arte e grazia talora lo mostrino e talora lo ascondino, senza alcuna crudezza che offenda la figura. Siano i suoi capegli e la barba lavorati con una certa morbidezza, svellati e ricciuti che mostrino di essere sfilati, avendoli data quella maggior piumosità e grazia che può lo scarpello, ancora che gli scultori in questa parte non possino così bene contraffare la natura, facendo essi le ciocche de' capegli sode e ricciute più di maniera che di immitazione naturale. Et ancora che le figure siano vestite, è necessario di fare i piedi e le mani che siano condotte di bellezza e di bontà come l'altre parti. E per essere tutta la figura tonda, è forza che in faccia, in profilo e di dietro ella sia di proporzione uguale, avendo ella a ogni girata e veduta a rappresentarsi ben disposta per tutto. È necessario adunque che ella abbia corrispondenza e che ugualmente ci sia per tutto attitudine, disegno, unione, grazia e diligenza, le quali cose tutte insieme dimostrino l'ingegno et il valore dell'artefice. Debbono le figure, così di rilievo come dipinte, esser condotte più con il giudicio che con la mano, avendo a stare in altezza dove sia una gran distanza; perché la diligenza dell'ultimo finimento non si vede da lontano, ma si conosce bene la bella forma delle braccia e delle gambe et il buon giudicio nelle falde de' panni con poche pieghe, perché nella simplicità del poco si mostra l'acutezza dell'ingegno. E per questo le figure di marmo o di bronzo che vanno un poco alte vogliono essere traforate gagliarde, acciò che il marmo che è bianco et il bronzo che ha del nero piglino all'aria della oscurità, e per quella apparisca da lontano il lavoro esser finito e dappresso si vegga lasciato in bozze. La quale avvertenza ebbero grandamente gli antichi, come nelle lor figure tonde e di mez[z]o rilievo che negli archi e nelle colonne veggiamo di Roma, le quali mostrano ancora que gran giudicio che egli ebbero; et infra i moderni si vede essere stato osservato il medesimo grandemente nelle sue opere da Donatello Debbesi oltra di questo considerare che quando le statue vanno in un luogo alto e che abasso non sia molta distanza da potersi discostare a giudicarle da lontano, ma che s'abbia quasi a star loro sotto, che così fatte figure si debbon fare di una testa o due più di altezza. E questo si fa perché quelle figure che son poste in alto si perdono nello scórto della veduta, stando di sotto e guardando allo nsù, onde ciò che si dà di accrescimento viene a consumarsi nella grossezza dello scórto, e tornano poi di proporzione, nel guardarle, giuste e non nane, ma con bonissima grazia. E quando non piacesse far questo, si potrà mantenere le membra della figura sottilette e gentili, ché questo ancora torna quasi il medesimo. Costumasi per molti artefici fare la figura di nove teste, la quale vien partita in otto teste tutta, eccetto la gola, il collo e l'altezza del piede, che con queste torna nove, perché due sono gli stinchi, due dalle ginocchia a' membri genitali e tre il torso fino alla fontanella della gola, et un'altra dal mento all'ultimo della fronte, et una ne fanno la gola e quella parte ch'è dal dosso del piede alla pianta: che sono nove. Le braccia vengono appiccate alle spalle, e dalla fontanella all'appiccatura da ogni banda è una testa, et esse braccia sino a la appiccatura delle mani sono tre teste, et allargandosi l'uomo con le braccia, apre apunto tanto quanto egli è alto. Ma non si debbe usare altra miglior misura che il giudicio dello occhio, il quale, se bene una cosa sarà benissimo misurata et egli ne rimanghi offeso, non resterà per questo di biasimarla. Però diciamo, che se bene la misura è una retta moderazione da ringrandire le figure talmente che le altezze e le larghezze, servato l'ordine, faccino l'opera proporzionata e graziosa, l'occhio nondimeno ha poi con il giudicio a levare e ad aggiugnere, secondo che vedrà la disgrazia dell'opera, talmente che e' le dia giustamente proporzione, grazia, disegno e perfezzione, acciò che ella sia in sé tutta lodata da ogni ottimo giudicio. E quella statua o figura che averà queste parti sarà perfetta di bontà, di bellezza, di disegno e di grazia. E tali figure chiameremo tonde, purché si possino vedere tutte le parti finite, come si vede ne l'uomo girandolo a torno; e similmente poi l'altre che da
queste dependono. Ma e' mi pare oramai tempo da venire a le cose più particulari.